Pubblicato il: 22 Ottobre 2019 alle 21:57

22 ottobre 2019: Imperatore Naruhito. le cerimonie ufficiali di ascesa al trono

Imperatore Naruhito le cerimonie

Come ormai tutti sappiamo, anche coloro che non seguono con particolare attenzione le notizie provenienti dall’Estremo Oriente, come soprattutto chi legge abitualmente EleC’s World sa bene (un grazie immenso a tutti voi per il vostro costante supporto! ), il Giappone sta affrontando un passaggio storico, quello dall’Era 平成 “Heisei” (ossia: “Compimento della Pace”) all’Era
令和 “Reiwa” (Bella Armonia) che corrisponde alla successione di Naruhito al padre Akihito sul trono dell’Impero giapponese.
L’Imperatore, ora Emerito, Akihito ha abdicato in favore del figlio e a questo primo passo ha fatto seguito una lunga ed elaborata serie di cerimonie ed eventi stabiliti dal protocollo con cui il nuovo Imperatore ha preso il suo posto nella storia.
Cerimonie che ho tentato di seguire al meglio, scrivendone qui sul blog.

Oggi, 22 ottobre, prenderà il via una sorta di “seconda parte” di queste cerimonie, possiamo dire le più ufficiali. Mia intenzione è scriverne in questo articolo, per darvi un’idea d’insieme che possa poi restare nel tempo, semplice e ordinata da consultare.

Imperatore Naruhito le cerimonie

Prima che comincino gli eventi in programma, mi sembra utile ricordarvi i precedenti articoli dedicati all’argomento, così che possiate facilmente ripercorrere i fatti nel loro insieme.

    Nell’ultimo di questi articoli vi avevo dato appuntamento all’autunno…. ed eccoci qua.


    19 settembre 2019: Il primo riso mietuto dal nuovo Imperatore

    Oggi il nuovo Imperatore Naruhito ha compiuto, per la prima volta da quando è asceso al trono del Crisantemo, la mietitura cerimoniale del riso, un gesto simbolico che l’Imperatore compie dagli inizi del ‘900.

    Ha raccolto 100 fasci di riso “di peso e qualità superiori alla media”. Indossando gli stivali e armato di falcetto, ha tagliato il riso e lo ha deposto in un piccolo deposito che si trova nei giardini del Palazzo Imperiale.
    A maggio aveva piantato semi di Nihonmasari e Mangetsumochi, due qualità del cereale, seguendone poi le varie fasi della coltivazione, come tradizione vuole.


    07 ottobre 2019: Rivelata l’auto per la parata imperiale

    I media sono stati invitati a vedere l’automobile che porterà la nuova coppia imperiale alla parata che si terrà intorno alla fine del mese a Tokyo.
    Si tratta di una limousine decapottabile Toyota Century.
    E’ una vettura lunga 5 metri e larga oltre 2 metri. I sedili posteriori sono 4 centimetri più alti di quelli anteriori e il loro schienale è reclinato ad un angolo tale da consentire la migliore visuale della coppia imperiale da parte del pubblico.
    La carrozzeria è stata rinforzata e la verniciatura è costituita da più strati, per renderla più brillante delle comuni automobili.
    All’auto verranno fissati la bandiera imperiale e l’emblema del Crisantemo.

    In caso di pioggia, invece, verrà utilizzata un’auto coperta normalmente usata dalla coppia per le grandi occasioni.

    (Informazioni tratte da NHK World Japan)


    15 ottobre 2019: Le prove della cerimonia di intronizzazione

    Oggi si sono svolte le prove generali della cerimonia di intronizzazione che si terrà la prossima settimana. Vi hanno preso parte il neo Imperatore Naruhito e l’Imperatrice Masako.


    17 ottobre 2019: Parata rimandata per il tifone Hagibis

    Il Governo giapponese ha deciso di rinviare la parata in celebrazione della nuova coppia Imperiale, per poter dare la priorità ai soccorsi e al recupero delle aree colpite dal recente tifone Hagibis, che tanti danni ha lasciato sul suo percorso.
    Tale parata, che era prevista il 22 Ottobre dopo la cerimonia di intronizzazione, è ora in programma per il 10 Novembre.

    Alla Parata prenderanno parte anche il Principe Akishino e consorte e il Primo Ministro Shinzo Abe, mentre una banda delle forze di AutoDifesa e della Polizia Metropolitana di Tokyo suoneranno lungo il tragitto.


    21 ottobre 2019

    Il Primo Ministro Shinzo Abe incontrerà le personalità e le alte cariche internazionali che sono state invitate ad assistere alla cerimonia di intronizzazione. Sono infatti attesi per l’occasione ospiti provenienti da oltre 170 Nazioni e organizzazioni internazionali.


    22 ottobre 2019: Cerimonia ufficiale di intronizzazione

    Al mattino l’Imperatore e l’Imperatrice sono giunti al Palazzo Imperiale a bordo di una automobile coperta. Qui li attende una giornata molto intensa e impegnativa.

    Imperatore Naruhito le cerimonie
    Picture taken from www3.nhk.or.jp

    Rituali presso i santuari nel Palazzo Imperiale: “Sokuirei Tojitsu Kashikodokoro Omae no gi” e “Sokuirei Tojitsu Koreiden Shinden ni Hokoku no gi”

    La prima parte del programma prevede ben 3 rituali, che l’Imperatore compie nei 3 santuari interni al Palazzo Imperiale (Koshikodokoro, Kōreiden e Shinden). Tale serie di riti prende il nome di Omae no gi  「大前の儀」.
    Ciò che deve fare è “riferire” alla dea del Sole, Amaterasu-omikami, alle anime dei propri antenati e alle varie divinità che costituiscono il pantheon della fede shintoista, che la cerimonia di intronizzazione si terrà oggi.

    Ciò che accade all’interno dei santuari è precluso a chiunque, eccettuati i cerimonieri e l’Imperatore stesso, e dunque anche le telecamere non vi hanno accesso.

    In seguito, anche l’Imperatrice Masako, con abiti e acconciatura tradizionali di corte, così come il marito, farà visita ai tre santuari.

    Questi rituali si chiamano “Sokuirei-Tojitsu-Kashikodokoro-Omae-no-gi” e “Sokuirei-Tojitsu-Koreiden-Shinden-ni-Hokoku-no-gi” .

    Imperatore Naruhito le cerimonie
    Picture taken from www3.nhk.or.jp

    Purtroppo il clima non è stato benevolo in questo giorno storico e la pioggia cade incessante e abbondante, il che ha costretto gli organizzatori a ridurre il numero dei cerimonieri vestiti in abiti tradizionali tenuti a restare allineati all’esterno, nella corte del Palazzo, dai 78 previsti a soli 25, e a farli posizionare al coperto.

    Cerimonia di intronizzazione ufficiale:
    Sokuirei Seiden no gi

    Sokuirei Seiden no gi 「即位礼正殿の儀」
    Si tratta della cerimonia principale e la più solenne, che ha luogo nella Sala di Stato, chiamata Seiden Matsu no Ma (Sala del Pino), all’interno del Palazzo Imperiale.

    L’inizio della cerimonia è in programma per le h 13.00 (orario giapponese) e la durata prevista dal rigido protocollo è di circa mezz’ora.

    Cerimonia terminata.
    Qui sopra potete vedere la registrazione che ne ho fatto dal canale satellitare NHK World TV.
    Erano presenti circa 2500 persone, compresi il Primo Ministro Shinzo Abe, i presidenti di entrambe le Camere, il Presidente della Corte Suprema e i dignitari dall’estero. Gli invitati stranieri provengono da oltre 190 Paesi e l’Italia è rappresentata dalla Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati.

    Assenti invece l’imperatore Emerito Akihito e la moglie, l’Imperatrice Emerita Michiko.

    L’Imperatore e l’Imperatrice entrano, separatamente una dopo l’altro, nella Sala di Stato, la Seiden Matsu no Ma (o Sala del Pino), lui indossando un abito arancione in stile tradizionale che gli Imperatori indossano nelle occasioni più solenni sin dal IX secolo, lei con abito e acconciatura tradizionali, un abito molto scomodo e pesante, essendo composto da svariati strati sovrapposti.
    I due si vanno a sedere ciascuno sul suo trono sormontato da un elaborato padiglione ottagonale in legno lavorato e tende su ogni lato. Il padiglione dell’Imperatrice è più piccolo e meno ricco dell’altro.
    Il trono e padiglione dell’Imperatore ha il nome di Takamikura, alto 6,5 metri e sormontato da una Fenice dorata. Si ritiene che esso sia stato usato nelle cerimonie imperiali più importanti sin dal periodo Nara, che ebbe inizio nell’VIII secolo.

    Imperatore Naruhito le cerimonie
    Picture taken from www3.nhk.or.jp

    I Ciambellani di corte portano nella Sala e pongono accanto al trono i tesori imperiali, i tre oggetti simbolici che Naruhito ha ricevuto nel corso della prima fase del suo insediamento, in primavera, e che rappresentano lo status del Tennō, termine con cui viene identificato l’Imperatore.
    Questi tre oggetti, la Spada, il Gioiello e lo Specchio, rappresentano le tre virtù primarie: rispettivamente il Coraggio, la Benevolenza e la Saggezza.
    Soltanto l’Imperatore e i sacerdoti dei santuari nei quali sono custoditi hanno il permesso di vederli e toccarli.

    Secondo la leggenda, essi vennero portati sulla Terra da Ninigi no Mikoto, leggendario antenato della stirpe imperiale nipponica, quando sua nonna, la dea del Sole Amaterasu no Ōmikami, lo mandò a pacificare il Giappone in guerra. Da allora, i tre sacri oggetti sono diventati il simbolo della natura divina della famiglia imperiale, discendenti diretti della dea Amaterasu (anche se ormai non esiste più costituzionalmente il principio delle origini divine dell’Imperatore del Giappone).

    La Spada, che si ritiene sia una copia, dal momento che l’originale è andata perduta, è custodita presso il santuario Atsuta a Nagoya e ne esce solo in questa occasione; lo Specchio è conservato nel santuario di Ise da cui non viene mai spostato (e pertanto non è fisicamente presente alla cerimonia), mentre il Gioiello si trova nel Palazzo Imperiale a Tokyo.

    Oltre ai tesori vengono posti accanto al trono anche i due sigilli imperiali, mentre il Primo Ministro consegna all’Imperatore un semplice scettro di legno, in rappresentanza del popolo giapponese.

    Imperatore Naruhito le cerimonie
    Picture taken from www3.nhk.or.jp

    L’Imperatore, preso posto sul Takamikura, tiene un discorso con cui proclama ufficialmente la sua ascesa al trono.

    DISCORSO DELL’IMPERATORE:

    ‹‹  Essendo succeduto al trono Imperiale in conformità con la Costituzione del Giappone e alle Leggi sulle Misure Speciali in merito alla Legge della Casa Imperiale, Io ora eseguo la Cerimonia di Intronizzazione nella Sala di Stato e proclamo a coloro che vivono in patria e all’estero la mia ascesa al Trono.

    Sono profondamente consapevole che nei suoi oltre 30 anni di permanenza sul trono, Sua Maestà l’Imperatore Emerito ha costantemente pregato per la felicità del popolo e la pace nel mondo, partecipando sempre alle gioie e ai dolori della gente e mostrando compassione attraverso il proprio comportamento.

    Spero sinceramente che il nostro Paese, attraverso la saggezza e gli sforzi incessanti del suo popolo, raggiunga un ulteriore sviluppo e contribuisca all’amicizia e alla pace della comunità internazionale, così come al benessere e alla prosperità del genere umano.  ››

    Dopo il discorso di Akihito ha preso la parola il Primo Ministro Shinzo Abe, il quale ha rivolto al neo Imperatore un discorso di congratulazioni da parte del popolo, seguito dalla tradizionale esclamazione “Banzai!”「万歳」, letteralmente “10.000 anni di vita”, ripetuta per tre volte consecutive ad alta voce e alzando le braccia, accompagnato dalle voci di tutti i presenti. Con questa espressione si usa augurare una lunga vita e prosperità a chi siede sul trono del Crisantemo.

    Serie di banchetti in onore del nuovo Imperatore: Kyoen-no-gi
    Oggi, il primo dei quattro previsti.

    “Kyoen no gi”  è una serie di banchetti di corte organizzati per celebrare l’ascesa al trono del nuovo Imperatore e della sua consorte, e permettere agli ospiti di congratularsi con la nuova coppia imperiale.
    Gli ospiti previsti, nel totale dei 4 banchetti, due in piedi e due seduti, saranno circa 900.

    Nella serata di oggi si è celebrato il primo, all’interno del Palazzo Imperiale.

    Tutto il Giappone sta celebrando l’Imperatore Naruhito.
    Ad esempio, la Tokyo Tower, uno degli edifici simbolo di Tokyo e dell’intero Paese, solo per oggi ha emesso biglietti d’accesso commemorativi, che i turisti potranno quindi conservare come ricordo di questa giornata storica.

    Alcune delle personalità e teste coronate presenti al banchetto.

    Imperatore Naruhito le cerimonieImperatore Naruhito le cerimonie

    Imperatore Naruhito le cerimonieImperatore Naruhito le cerimonie

    Imperatore Naruhito le cerimonie Imperatore Naruhito le cerimonie

    Anche di questo evento aggiungo la mia registrazione dal canale satellitare NHK World TV, così come lo sono gli altri video presenti in questa pagina.


    23 ottobre 2019: Tea Party

    L’Imperatore e l’Imperatrice hanno svolto il ruolo di padroni di casa al tea party organizzato per gli ospiti reali invitati dalle nazioni estere per assistere alla cerimonia di intronizzazione di ieri.


    25, 29, 31 ottobre 2019: Banchetti di corte in celebrazione del nuovo Imperatore

    In questi giorni si sono susseguiti altri banchetti di corte, nei quali gli ospiti hanno avuto l’opportunità di congratularsi con il nuovo Imperatore e la consorte. Il numero e la sequenza di tali banchetti sono stabiliti dal protocollo.

    Ai tempi dell’ascesa al trono di Akihito i banchetti furono 7, mentre questa volta ci si è limitati a 4, in 4 giorni diversi (il primo è quello del 22 ottobre).


    9 novembre 2019: Concerto per celebrare il nuovo Imperatore

    Davanti al Palazzo Imperiale, a Tokyo, si è tenuto un concerto per celebrare la nuova coppia imperiale, che ha assistito in presenza alla parte cerimoniale della serata. 

    Imperatore Naruhito le cerimonie

    Il pubblico presente era di circa 30.000 persone.
    Il Primo Ministro Shinzo Abe ha tenuto un discorso di congratulazioni e successivamente l’orchestra ha suonato un brano composto appositamente per l’occasione, intitolato “Ray of Water” (Raggio d’acqua).

    L’Imperatore ha ringraziato per gli auguri e ha accennato ai gravi danni causati dal tifone Hagibis e dalle piogge torrenziali degli ultimi giorni, esprimendo le proprie condoglianze ai congiunti delle vittime e la vicinanza a tutti coloro che hanno subito perdite e danni.


    10 novembre 2019: Parata in onore della nuova Coppia Imperiale

    Il Dipartimento di Polizia Metropolitana di Tokyo ha operato per garantire che la Parata programmata per onorare il nuovo Imperatore e la sua consorte potesse avvenire senza incidenti e problemi di alcun tipo.
    Per questo ha istituito un Dipartimento di Massima Sicurezza.
    A tal fine sono stati mobilitati 26.000 ufficiali, di cui 3.000 provenienti da altre prefetture, e creati 40 posti di blocco.
    Severamente vietati i bastoncini per selfie, bottiglie, bandiere, stendardi, cartelli e anche le urla, oltre al consiglio a chi segue l’evento da finestre e balconi, di non sporgersi troppo.

    Imperatore Naruhito le cerimonie

    Imperatore Naruhito le cerimonie

    La Parata ha avuto inizio alle h 15.00 del pomeriggio, con la partenza di Naruhito e Masako dal Palazzo Imperiale, a bordo dell’automobile predisposta per l’occasione, Seguendo un percorso che ha toccato alcune delle aree più significative e centrali di Tokyo, per un totale di 4,6 km, la coppia è infine giunta alla residenza di Akasaka.
    Lungo il tragitto una folla festante di migliaia di persone li ha acclamati, mentre loro sorridevano e salutavano rivolti in ogni direzione.


    14 e 15 novembre 2019: Daijosai

    Siamo giunti alla terza e ultima delle Cerimonie principali che costituiscono il percorso dell’ascesa al trono del nuovo Imperatore, cerimonia chiamata Daijosai 「大嘗祭」(Grande Cerimonia di Ringraziamento), che viene compiuta una sola volta nel corso di un Impero.
    Si tratta questa volta di un rito di carattere esclusivamente religioso (shintoista), attraverso il quale da sempre l’Imperatore assume il titolo di Tennō, ossia Sovrano Celeste.
    Oggi ormai lo Stato Giapponese ha escluso la religione dall’ambito politico e rappresentativo, la sua Costituzione (in particolare l’Articolo 20) lo stabilisce come Stato laico e l’Imperatore ha perso la sua connotazione divina dopo la fine della Seconda Mondiale, quando Imperatore era Hirohito, nonno dell’attuale Naruhito.

    Per questo motivo il rito del Daijosai è controverso e non approvato da tutti, anzi, da più parti criticato.
    Un secondo motivo, forse ancor più sentito, è il peso che esso viene a rivestire nell’economia del Paese, che finanzia in questo caso una cerimonia che non ha nulla a che vedere con lo Stato.

    In particolare viene costruito appositamente per questa unica notte un vero e proprio santuario provvisorio chiamato Daishogu (大嘗宮), interamente in legno secondo la più pura architettura lignea giapponese delle origini. Questa costruzione, da sola, costa circa 16 milioni di dollari, è costituita da circa 30 stanze e comprende i due padiglioni che ospiteranno i due riti.
    L’intero complesso, situato all’interno dell’area del Palazzo Imperiale, verrà poi completamente demolito.

    I due padiglioni cui ho appena accennato sono chiamati rispettivamente Yukiden (悠紀殿) a Est e Sukiden (主基電) a Ovest.
    Nel primo si svolge il primo dei due riti, tra il tardo pomeriggio e la notte del 14 novembre, mentre nel secondo si ripete lo stesso rituale dalla notte alle prime ore del mattino del 15 novembre, per una durata totale di 10 ore, dalle h 17.00 alle h 3.00 del mattino seguente.

     Daijosai rite by Japanese Emperor Naruhito
    Il santuario provvisorio con, ben in vista, i due padiglioni principali, Yukiden e Sukiden

    Mesi prima di questo rito vengono selezionate due province del Paese, dalle quali verrà preso il riso utilizzato per la cerimonia sia sotto forma di riso, appunto, che di sakè da esso prodotto. La scelta di queste due province viene fatta da indovini attraverso antichi rituali, nei quali essi interpretano le crepe sul carapace di una tartaruga posto su una fiamma.
    In questo caso sono state selezionate la provincia orientale di Tochigi e quella occidentale di Kyoto, da cui si trarrà il riso per il rituale nelle due distinte cerimonie, una per ognuno dei padiglioni appositamente costruiti.
    Questo riso è quindi speciale, viene coltivato da particolari famiglie, conservato in un santuario e purificato con riti shintoisti.

    Imperatore Naruhito le cerimonie
    Il riso raccolto per i riti del Daijosai

    Il Daijosai trae le sue origini nella più profonda antichità del Paese ed è citato nella prima raccolta storiografica giapponese, il Kojiki (“Racconto di antichi accadimenti”), che fu compilato nel 712. Sarebbe stato l’Imperatore Temmu (673-686) il primo a codificare il Daijosai.
    La cerimonia si è tenuta quasi ininterrottamente da allora a ogni ascesa al trono di un Imperatore, tranne circa due secoli di assenza tra il XV e il XVII secolo, quando la Casa imperiale, che non governava realmente il Paese, in mano invece a Shogun di origine guerriera, si trovò a corto di denaro.

    Sono circa 700 le persone invitate alla cerimonia. Tra esse le principali cariche dello Stato: il primo ministro Shinzo Abe, i membri del suo gabinetto, i presidenti delle due Camere, i giudici della Corte Suprema, ma nessun altro osservatore.
    Tutti costoro potranno stare solo all’esterno delle due strutture temporanee.
    L’Imperatrice Masako sarà presente, in abiti tradizionali, ma anche per lei vale il divieto assoluto di entrare nei padiglioni in cui si svolgono i riti sacri.

    Imperatore Naruhito le cerimonie

    Ecco come si svolge la doppia cerimonia:

    L’imperatore, dopo essersi purificato e aver indossato una veste in stile tradizionale bianca, accompagnato da alcune assistenti donne, rigorosamente abbigliate con abiti tradizionali shinto e vincolate al più rigoroso segreto, entra nella prima delle due sale, la Yukiden, alla luce delle sole lampade tradizionali.
    Qui si trovano il riso e gli altri 4 cereali di base (orzo, fagioli, miglio, miglio selvatico), il sakè prodotto da quello stesso riso, pesce, ortaggi e altri cibi prodotti nelle diverse aree del Giappone, posti su piatti di legno.

    Emperor Naruhito Performs the 'Daijosai,' the Imperial Ascension's Last Major Ceremony | JAPAN Forward

    Egli li pone su foglie e li offre alla dea del sole Amaterasu-omikami e ad altre divinità, gli Amatsukami (天津神) dal Takamagahara e i Kunitsukami (国津神) dalla mitologia giapponese.
    Segue la lettura di arcane preghiere, al fine di ringraziare e pregare per la pace e per i raccolti abbondanti per il Paese e il popolo giapponese.
    Infine l’Imperatore stesso consuma quel cibo, condividendolo così con gli dei.

    Dopo una breve pausa, lo stesso rituale si compie nell’altra sala, il Sukiden.


    21 novembre 2019

    Un’area del Palazzo Imperiale è stata temporaneamente aperta al pubblico,  essa comprende i due padiglioni che hanno ospitato i rituali del Daijosai.
    Questo darà la possibilità alla popolazione di visitarli prima che vengano smantellati.


    22 novembre 2019

    L’imperatore Naruhito e l’Imperatrice Masako hanno oggi fatto visita al Santuario Ise, nell’area centrale del Giappone. Si tratta di un rituale tradizionale che completa e conclude la lunga serie di cerimonie di Intronizzazione.
    Il Santuario di Ise è il più sacro dell’Intero Giappone ed è consacrato alla dea del Sole Amaterasu.


    23 novembre 2019

    La coppia imperiale ha infine visitato l’area interna del Santuario di Ise.

    Molte delle informazioni qui presenti le ho tratte da questaquest’altra pagina di Wikipedia (ma seguendo i link potete procedere nella ricerca) e NHK World Japan, dove potete trovare tanti altri approfondimenti, sondaggi, cenni storici ecc.

    Con questo possiamo considerare conclusi i riti che costituiscono l’ascesa al trono del nuovo Imperatore Naruhito. 


    Spero che l’articolo sia risultato interessante e vi invito, se volete, a farvi sentire nei commenti.
    Come sempre, un saluto e… alla prossima!


    Autore: EleChicca

    Italian. I like Japan, cats, fashion dolls, anime&manga, figure skating and a lot of other things, but, above all, I LOVE Yuzuru Hanyu! ??

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Translate into your own language