YuzuNews giovedì 21 marzo 2019: Mondiali Saitama 2019 – Practice 6 + SP + Sorteggio per FS + Small Medal Ceremony + Press Conference

Condividi


Buongiorno!
Sveglia all’alba/veglia notturna per seguire la sessione di practice che precede il programma corto maschile, piatto forte della giornata alla Saitama Super Arena, dove sono in corso di svolgimento i Mondiali 2019 di Pattinaggio di Figura.
Oggi è anche il giorno del programma libero coppie, con l’assegnazione delle prime medaglie.

Bisogna però dire che gli appuntamenti più attesi dal pubblico di casa sono senza dubbio le gare del singolo maschile e femminile, mentre le discipline di coppia non hanno in Giappone una grande tradizione e attirano meno interesse da parte di un pubblico che, in ogni caso, si mostra sempre entusiasta e pronto a sostenere gli atleti di tutte le discipline e di ogni nazione.  L’atmosfera in Giappone è sempre speciale, c’è un vero amore per il pattinaggio e l’organizzazione si rivela ogni volta curatissima e impeccabile, cosa effettivamente prevedibile per quello che è, a tutti gli effetti, uno degli sport nazionali.

Il Paese ospitante ha tre rappresentanti per la categoria uomini e tre per le donne, ma l’attenzione è focalizzata su Yuzuru, che ormai dal suo primo Oro Olimpico ottenuto a Sochi nel 2014 è una vera e propria superstar nazionale. Come sempre sono altissime le aspettative ed enorme la pressione cui è sottoposto ormai da anni, una pressione che lui ha più volte ammesso di sentire, ma di riuscire a canalizzare in modo da farla diventare forza di volontà e motivazione. Questa gara è la più importante della stagione, è nel suo Paese ed è anche la competizione che segna il suo ritorno dopo l’infortunio subito a novembre. Tutti gli occhi sono dunque puntati su di lui e ci si aspetta lo scontro in pista con Nathan Chen, Shoma Uno e gli altri.

L’atmosfera è emozionante, eccitante, ma al tempo stesso tesa. 
Sono stata felicissima di aver rivisto Yuzuru scivolare come una piuma sul ghiaccio, leggero ed etereo come nessun altro, con il suo fascino, le sue linee perfette e anche con i suoi modi buffi e un po’ infantili e il suo sorriso luminoso.
Al tempo stesso, però, sono in ansia. Ho paura che si faccia male di nuovo, che sia limitato in ciò che potrà fare o dalle precauzioni che dovrà avere, e sono inquieta perché vorrei tanto vederlo sempre felice e sorridente, soddisfatto, appagato. So che questo vale per tutti, so che chi non vince o va male è deluso e chi vince è felice, è così in ogni gara, è lo sport, è la vita, ma il mio affetto per lui mi rende poco obiettiva e molto di parte, lo devo ammettere. Massimo rispetto per tutti ma il mio affetto solo per lui. 

Ecco, lo sapevo. Mi ero ripromessa di non dilungarmi troppo in chiacchiere, per non far diventare anche questo un post chilometrico (in previsione delle foto e del materiale dello SP) e invece mi sono persa in mille parole (ehm… si nota che mi piace scrivere?  ).

Vabbe’, il senso del discorso voleva essere: ok, abbiamo mille timori e apprensioni per il nostro bimbo, ma cerchiamo di restare forti per lui, gli serve tutta la nostra carica e le nostre energie positive. Qualunque cosa accada noi saremo con lui! VERO!?!?!?!!?? 

Pensierino della notte: Chi lo segue da tanti anni – come la sottoscritta – e ha superato tanti momenti difficili al suo fianco, dovrebbe esserci ormai abituato, eppure vedo che non ci si abitua mai completamente, è inutile. 

Ora, cerchiamo intanto di sopravvivere a questa settimana di fuoco!!

Missione numero 1: sperare e pregare qualunque cosa o essere in cui crediamo di proteggere Yuzu, affinché stia bene e non succeda niente.
Missione numero 2: sostenerlo con tutte le nostre forze mentali ed emotive, a prescindere da come pattinerà e dal risultato.
Missione numero 3: arrivare vivi – e possibilmente sani di mente, o quasi – fino a domenica sera! 
Ce la possiamo fare!! 

Che dite? Ero credibile?! 

Dai dai, prendiamola con allegria, come fa Yuzurino nostro!
Lo so, vi sento, ora state pensando: “Ma che cavolo sta scrivendo questa? E’ un’ora che blatera senza motivo!”.
Avete ragione, la triste verità è che ho preparato il post per il contenuto in arrivo nelle prossime ore, e adesso non so come organizzarmi: alle 4 devo registrare, alle 7 devo registrare su un altro canale, alle 4.20 c’è la practice e poi devo registrare di nuovo dalle 10… Quindi, che faccio? Vado a dormire o aspetto qui? Se dormo meno di 2 ore quasi certamente non sento la sveglia…

Vabbe’, dai, ora decido senza tediarvi oltre.
A più tardi con gli aggiornamenti!


Aggiornamento h 5.00

Si è appena conclusa l’ultima sessione di allenamento prima della gara. Tutti i pattinatori erano tenuti a provare nel run-through con musica il proprio programma corto.
Nel suo run-through Yuzu non ha fatto molto bene, Axel solo semplice e ha appoggiato le mani nella combinazione.

Keegan Messing, Jason Brown, Nathan Chen hanno invece eseguito un run-through senza errori.

Credo – spero – che la causa stia nel fatto che fosse il primo a pattinare del gruppo e che quindi non abbia avuto tempo di scaldarsi adeguatamente, non è la prima volta che fa così, mentre gli altri hanno avuto il vantaggio di provare più salti e prepararsi al proprio programma (ci voglio credere!)

Nel resto della sessione di practice Yuzu ha eseguito questi salti.

Decisamente meglio!

Yuzu e Nathan si sono inchinati insieme al termine dell’allenamento nel consueto saluto al pubblico.

E anche questa è andata e lui è ancora tutto intero.

Non credo ci sarà molto altro materiale su questa sessione mattutina, ho la sensazione che essendoci contemporaneamente in corso anche la gara del libero coppie nella pista principale, i fotografi – giustamente – siano impegnati ad immortalare le prestazioni dei contendenti. Potrei comunque sbagliare!

Intanto qualche fotina bella bella.
(Nota: questa è la tutina Under Armour che preferisco!)

practice 6

practice 6

practice 6

Prima di concedermi poco più di un’ora di sonno (ho puntato due sveglie, una lontana dal letto. Funzionerà?!) vi lascio gli orari per seguire la gara, sperando che nel frattempo non modifichino i palinsesti. Il consiglio è come sempre di controllare il palinsesto sulla pagina ufficiale della rete TV (in QUESTO post iniziale dei Mondiali 2019 ho linkato i siti in questione).

Al momento gli orari dovrebbero essere i seguenti:
RAI SPORT HD: h 10.00-13.00
EUROSPORT 2: h 8.00-13.00

A più tardi, al termine del programma corto. Vi ricordo: Yuzuru sarà alle h 12.18!

GANBATTE YUZU!!!!!

Risultati immagini per winnie the pooh ganbatte gif

 


Aggiornamento h 14.00

Si è appena conclusa la prima parte della gara maschile, con il programma corto. Purtroppo non è andata come si sperava, ma per me è stato spaziale come solo lui sa essere e sono orgogliosissima di lui e della sua forza.

Ripercorriamo con ordine quanto avvenuto.

Alcune immagini dal backstage durante la fase di riscaldamento.

Warm up dell’ultimo gruppo.

Questo quanto eseguito da Yuzuru nei 6 minuti di warm up.

Strizzatina di rito a Pooh, prima di iniziare.

Nel suo programma ha fatto un solo grande errore: il primo salto, che avrebbe dovuto essere un 4S, lo ha aperto in aria, facendolo solo doppio. Dal momento che doppio non è consentito dal regolamento (deve essere almeno triplo) gli è valso 0 punti. 
Per il resto ha fatto tutto bene, anche se forse non era convincente e convinto come altre volte, influenzato mentalmente dall’errore.  L’axel spettacolare come sempre e un pattinaggio, una fluidità di movimenti ed una scorrevolezza e leggerezza che ha solo lui, su questo non si discute.

Questo il programma, con commento Rai.

Purtroppo il punteggio di 94.87 lo ha relegato in terza posizione al termine del programma corto, dietro a Jason Brown e Nathan Chen, i quali hanno eseguito uno SP pulito, ottenendo rispettivamente 96.81 e 107.40.

Qualche foto, pubblicata come sempre dalle varie testate online.

sp

sp

sp

sp

sp

sp

sp

sp

sp

Quando è tornato nel backstage dopo la sua prestazione, si è fermato ad osservare il punteggio di Shoma Uno, che ha pattinato subito dopo di lui.

Questa la classifica al termine del programma corto.

Questo il suo punteggio nel dettaglio.

Subito dopo il suo programma, Yuzu ha rilasciato alcune interviste.

Questa per il programma FNN Prime

con relativa traduzione in inglese (primo tweet e successivi)

Quest’altra…

con relativa traduzione in inglese (il primo tweet e il successivo).

Piccola nota curiosa. In questa intervista Yuzuru dice che la mente gli si è svuotata dopo l’errore sul primo salto, poi aggiunge che è frustrato, deluso (un termine molto usato da lui, kuyashii), ma non vuole utilizzare questa parola perché è sicuro che i giornali la userebbero come titolo. Aggiunge scherzosamente: ma domani scriveranno nei titoli che la mia mente si è svuotata, e anche quello non va bene. Poi dice a voce alta, come rivolto ai giornalisti… “non scrivetelo per piacere!”.
(Grazie a Shuko Doyle, membro del Yuzuru Hanyu International Fan Group, su Facebook, la quale ha riportato per prima questo aneddoto e mi ha dato il permesso di scriverlo qui grazie alla sua traduzione.)
Ebbene, sapete una cosa? Il Nikkan Sports di questa mattina (in Giappone è già la mattina del 22 marzo) titola proprio: “Hanyu: la mia mente si è svuotata”. 

Ma povero Yuzu!!!! 

Altra intervista, in inglese, per PJ Kwong .

Ed un’altra ancora, sempre in inglese, con Cathy Reed.

Al termine della competizione c’è stato il sorteggio che ha stabilito l’ordine di discesa sul ghiaccio per il programma libero, che si disputerà sabato.

Yuzuru scenderà in pista per terzultimo, o quarto dell’ultimo gruppo.

E’ seguita la cosiddetta Small Medal Ceremony, nella quale viene consegnata ai primi tre classificati del singolo segmento di gara (in questo caso dello SP) una piccola medaglia (di solito è proprio anche piccola come dimensioni, ma va inteso più come meno importante, cioè, non si tratta della medaglia “ufficiale” della competizione).

La consegna delle small medals.

Infine, la conferenza stampa.
Yuzuru ha detto che avrebbe voluto parlare in inglese, davvero, ma ci teneva ad esprimere al meglio i suoi pensieri, e così ha chiesto di poter parlare in giapponese ed essere tradotto dall’interprete. 

Questa una rapida traduzione solo delle risposte di Yuzu (primo tweet e successivi).


Anche per oggi credo di aver postato le cose principali. Yeah!!! Ce l’ho fatta!!!!   

Temevo di non fare in tempo prima dell’inizio della nuova giornata!!
E’ già passata la mezzanotte e tra non molto inizieranno nuovamente le gare e ci saranno le due sessioni di practice di Yuzu.
Non ci si ferma mai!

Per concludere non manca che ricordare gli appuntamenti di domani, ma prima non posso fare finta di niente e non dire una parola sul risultato di oggi. 
Ebbene, sì, sono delusa, mi pare abbastanza ovvio. Come sempre, spero il meglio per Yuzu, però l’ho presa piuttosto bene.
Forse è anche utile questa situazione, sia per lui che per noi suoi tifosi. Non si può vincere sempre e questa realtà non deve mai essere dimenticata, si rischia di perdere la giusta misura e la dovuta razionalità e poi sentirsi disorientati e incapaci di reagire quando le cose non vanno come sperato. Yuzuru ha vinto tutte le ultime 4 competizioni disputate (Olimpiadi, Autumn Classic, GP Helsinki e Rostelecom Cup), vincendo anche ogni singolo segmento di gara (eccezion fatta per il libero alle olimpiadi, in cui si classificò secondo).
Certamente è la situazione che preferisce e non lo nasconde: lui ama vincere, vuole vincere, vincere è ciò che alimenta la sua passione. Ma tanti grandi risultati, un dominio tale negli ultimi 5 anni, portano altre conseguenze, oltre la fama e la gloria, portano un carico di pressioni immenso, le aspettative di una moltitudine di persone sulle proprie spalle e si finisce per voler vincere non solo per passione, ma anche per non deludere gli altri e per timore di non essere degni di quanto già vinto. Yuzuru vuole dimostrare di meritare, sia come atleta che come persona, i suoi ori olimpici, e vuole rendere felici tutti coloro che in qualsiasi modo lo supportano. Quando non ci riesce si arrabbia con se stesso oltre il dovuto.
Un suo problema (e lo conosco molto bene perché anch’io sono così) è il pensare troppo, il rimuginare su ogni minima cosa, il che può essere un pregio ma può anche rivelarsi dannoso, soprattutto quando porta a nervosismo e tensione che si ripercuotono sui risultati, com’è accaduto oggi. Era nervoso, ha fatto fatica a concentrarsi e quando ha commesso l’errore sul primo salto è andato in confusione, così ha detto. E’ stato bravissimo e non ha commesso altri errori, ma è stato, diciamo così, meno incisivo di altre volte.
E’ stata un po’ come una doccia fredda, per lui e per noi, “abituati” a vittorie e record, ma una doccia fredda che ci fa ritrovare il senso della realtà, ossia che anche se non si vince non cade il mondo, che se non si è primi non si cancella una carriera, tanto meno una persona nel suo insieme, che non viene meno l’affetto e la stima per colpa di un errore, per un momento di debolezza. Anzi, io penso che Yuzuru possa ritrovare da questa situazione ancora nuovi impulsi e motivazioni, più che non vincendo qualsiasi cosa. In fondo lui lo dice sempre che ama gareggiare con avversari forti e sfidare se stesso, ama superare gli ostacoli, e il “contatto con la terra” che porta ogni caduta gli può dare la spinta per sollevarsi più di prima.  Sia chiaro, non sto cercando di rigirare la frittata leggendo la situazione come mi pare, o vedere per forza il bicchiere mezzo pieno, io speravo che vincesse, vorrei che vincesse ogni volta, che facesse il record del mondo ad ogni programma e che tutti lo riconoscessero il campione assoluto, ma ritengo che più si è abituati a vincere più si teme la sconfitta, e più si sta male prima e durante le gare (vale sia per lui che per noi), mentre ripartire dal basso può essere un modo per vivere e godere in modo diverso la gara.

Nello specifico, la situazione è questa: Yuzuru è terzo a circa 13 punti da Nathan Chen al comando. Possiamo sperare in una rimonta fino alla vittoria? Certo… la speranza è sempre l’ultima a morire, sperare è lecito, ma non bisogna illudersi. 13 punti sono tanti.
Sono tanti perché Chen ha un potenziale tecnico di base superiore a quello di Yuzu, e dunque Yuzu non dovrebbe sbagliare assolutamente niente e Chen dovrebbe commettere degli errori di un certo peso. Sono tanti perché Chen ultimamente pattina molto bene questo programma, anche ai Campionati Nazionali Americani lo ha eseguito senza alcun errore. Sono tanti perché Chen riceve un punteggio nei PCS quasi uguale a quello di Yuzuru, o di poco inferiore (ingiustamente, anzi, direi vergognosamente!) e quindi Yuzu non può sperare di recuperare punti con la sua – indiscussa – superiorità.
Sono tanti, ma lui ne è consapevole, è intelligente e saprà reagire anche in caso di sconfitta. Quindi ripeto, sperare sempre, ma senza farsi troppe illusioni.
In questi casi si dovrebbe anche trovare un modo diverso di incoraggiarlo. Non dire “Vincerai, ne sono sicura!”, ma “Fai del tuo meglio, noi siamo con te qualunque sia il risultato, qualunque cosa accada!”. E’ giusto dargli fiducia e stimolarlo, ma non mettendogli ulteriore pressione addosso e timore di deluderci, questa è la mia opinione ed è quello che gli ho sempre scritto.

Ora come ora spero prima di tutto e soprattutto che non si faccia male, che stia bene fisicamente, che possa continuare il processo di guarigione e preparazione senza intoppi e nuovi guai. In secondo luogo, spero che riesca a fare un buon libero, un programma libero di cui possa sentirsi abbastanza soddisfatto. Vorrei un programma perfetto, perché so che lui lo vorrebbe tale, ma mi accontenterei di vederlo sorridente alla fine.

Ok, oggi ho davvero scritto troppo, meglio chiudere qui.

Trovate tutti i post relativi ai Mondiali di Saitama 2019 all’interno di QUESTO primo post, che funge anche da indice per tutti gli altri (sono in fondo all’articolo).

Come promesso, ecco gli appuntamenti di domani, cui ovviamente verrà dedicato il prossimo post.

  • Practice 7: nel Practice Rink con inizio alle h 13.10 (h 5.10 in Italia, ovviamente mi riferisco all’ultimo gruppo). In tutte le sessioni di practice, da questa all’ultima prima della gara, i pattinatori dovranno eseguire il proprio run-through nello stesso ordine sorteggiato per il programma libero e, ovviamente, proveranno il proprio libero, nel caso di Yuzu “Origin”.
  • Practice 8: Nel Practice Rink alle h 18.10 (h 10.10 italiane).

Adesso è davvero tutto, a domani!!!



Condividi

Autore: EleChicca

Italian. I like Japan, cats, fashion dolls, anime&manga, figure skating and a lot of other things, but, above all, I LOVE Yuzuru Hanyu! 🥇💖

4 pensieri riguardo “YuzuNews giovedì 21 marzo 2019: Mondiali Saitama 2019 – Practice 6 + SP + Sorteggio per FS + Small Medal Ceremony + Press Conference”

  1. Che dobbiamo dire? Se Yuzuru avesse infilato il 4S come in prova sarebbe stato l’atleta che tante volte ci ha stra-sbalordito tutti. L’alieno. In verità un po’ alieno lo è in ogni modo: da sedici mesi questo ragazzo patisce, si cura e si allena senza tregua e, tanto per dire, si è vinto una olimpiade, ha primeggiato al gran prix, e adesso smagrito e visibilmente provato è là che pattina ai vertici della classifica .. l’errore che ha fatto è da stress.. molti grandi hanno performato sotto tono, qui come altre volte, senza la pressione che per sua stessa grandezza ha il nostro Yuzu . Chen ha indubbiamente fatto un programma pulito ha saluti notevoli ma col piffero! se ha la classe di Yu su.. se la sognano tutti. Spero vada sul podio, forse non c’è la farà a vincere, se non sbaglia grossolanamente Nathan, nemmeno con una rimonta delle sue.. ma il podio se lo merita comunque. Ciao yuxziuriane … 😘

    1. Assolutamente d’accordo! L’errore ci sta, capita a chiunque e vabbe’, pazienza. Per lui la pressione è moltiplicata rispetto agli altri. Solo una cosa non condivido, il fatto che sia smagrito e sciupato. Io lo trovo bello come il sole e sereno, magro lo è sempre stato, ma in compenso ora ha messo su più muscoletti rispetto agli anni passati. Ha la vita sottilissima, “the holy waist” XD , ma quella c’è sempre stata ed è invidiata anche dalle femminucce. Non so, a me è sembrato in forma. Forse il viso è un po’ più affusolato, le guance sono meno paffute, ma in realtà lo si nota solo in certe espressioni e credo sia più una “maturazione” che un dimagrimento, un passare da bimbetto paffuto a uomo. Però mi posso sbagliare ovviamente. In ogni caso, sul fatto che ne abbia affrontate e superate di ogni… non ci piove, è un grande, e a prescindere da tutto è e resta il migliore.
      Grazie Isabella per il tuo commento!

  2. D’accordo con Isabella. La prova di Nathan in confronto al programma di Yuzu gli inglesi direbbero “it’s ridiculous”. Se togli i salti da spettacolo cosa resta? Non certo la grazia ed eleganza e fluidità ecc ecc che vediamo nel nostro. Infatti mi piace immensamente di più Jason Brown al secondo che ha pattinato in modo molto bello ed anche in conferenza ha riconosciuto che allenarsi con Yuzu da mesi è stato fonte di ispirazione. Avete notato che primo e secondo classificati in conferenza hanno continuamente riportato considerazione e affetto e riconoscenza per Yuzu. Il modo di pattinare che lui ha è unico e al di là dei punteggi. Lui ha fatto già scuola per tutti. Sarà bellissimo anche nel FS me lo voglio godere tutto! ❤️

    1. Verissimo, e non sapete quanto mi irrita quando indicano Nathan in continuazione come “grande ballerino” solo perché la stampa statunitense ha riportato che da bambino ha fatto danza classica. Beh, per me, da come si muove, non si vede. 😀 E anche i salti… sì li fa, sì la tecnica è giusta, ma non sono morbidi, quando atterra la gamba è rigida e il ginocchio non molleggia, non c’è grazia né leggerezza. Boh, non so che dire sui punteggi, ma ok, l’errore c’è stato e Yuzu lo ha pagato tutto, peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *