YuzuNews 1 febbraio 2019: Yuzuru – Dopo i periodi difficili verrà la felicità. Le avversità ci rendono più forti.

Condividi


Ciao a tutti! 
Come state? Qui è scesa una spolverata di neve, ma è rimasta solo poche ore purtroppo. Mi sarebbe piaciuto uscire a fare qualche foto alle mie bamboline in versione invernale. Pazienza, aspetterò la prossima occasione.


Come procede la vita dei Fanyus? State resistendo alla mancanza di Yuzurino?? E’ vero, manca, ma in fondo non ci lascia mai senza qualcosa che lo riguardi, che sia una foto, una intervista, un documentario su di lui, una nuova campagna pubblicitaria o qualsiasi altra cosa, e tanto basta per farci stare meglio, non è vero?
D’altronde… si sa, una piccola Yuzu-dose al giorno toglie il medico di torno! 

A proposito di Yuzu-dose al giorno… eccoci ad un nuovo appuntamento con le YuzuNews!


  • Partiamo con la nuova puntata di Yuzu Days (Vi ricordate? Le periodiche interviste esclusive a Yuzu, offerte da P&G). 
    Si tratta sempre di belle interviste, nelle quali Yuzuru ci fa conoscere alcune cose di sé, relative alla sua vita quotidiana, alla sua famiglia oppure ai suoi pensieri.
    In questa “puntata” il tema è: Trasformare le avversità in forza.

QUI è pubblicata l’intervista, credo che resti disponibile solo per un periodo limitato.

Riassumendo…
“La felicità arriverà dopo le avversità”
Yuzuru dice che ha dovuto affrontare molte avversità, molti momenti difficili e dolorosi, ad esempio lo scontro in pista nel 2014, l’intervento chirurgico nello stesso anno e poi ancora tanti infortuni e problemi fisici. La sua vita è un continuo susseguirsi di alti e bassi molto intensi.
Tuttavia, è convinto che per quanto la sofferenza e le difficoltà possano essere grandi e durare a lungo, poi arriverà la felicità e questa felicità sarà grande.
Il periodo che ha preceduto le Olimpiadi di PyeongChang, dopo l’infortunio accorso in novembre, è stato molto duro e di grande sofferenza, forse la peggiore di sempre per lui, ma ha continuato a credere che, avendo sofferto così tanto, certamente alle Olimpiadi sarebbe stato felice, ed è entrato nell’arena olimpica con la felicità derivata da questa convinzione.
Secondo lui le avversità sono delle prove, che ci vengono poste sul cammino per metterci, appunto, alla prova e dimostrare a noi stessi che siamo in grado di superarle, e sono il mezzo tramite cui si può crescere e migliorare.

“Il me stesso passato supporta il me stesso presente”
Fin da bambino ha sempre avuto, e ha tuttora, la sensazione che il se stesso del passato continui a coesistere con il suo Io presente e lo sostenga, supporti e aiuti, dandogli forza e motivazione. Questo grazie al fatto che l’esperienza e le emozioni si accumulano, e lui non vuole sprecare nessuna delle esperienze che la vita e il pattinaggio gli hanno dato.
Dopo 19 anni da quando ha iniziato a pattinare, è convinto che tutto ciò che il suo Io passato ha costruito e accumulato porti fondamentalmente al desiderio di volersi mettere alla prova costantemente e dedicare tutto se stesso in questo.

“Non usare la felicità solo per se stessi”
La sua vita è stata un continuo susseguirsi di avversità e gioie, in tutto questo tempo, nel suo percorso sino ad oggi, è sempre stato sostenuto da tante persone e non vive solo grazie a se stesso. Così ha deciso che la sua “regola” debba essere non usare la felicità solo per sé.
Nei momenti in cui è felice, vuole usare questa felicità per la felicità di tutti, vuole che tutti siano felici. 

Qui trovate la traduzione in inglese, grazie ad @axelsandwich

Cosa si può dire di fronte a questo atteggiamento? Questo ragazzo è un’anima preziosa e nobile, una forza straordinaria, un esempio per tutti.
Per come la vedo io, merita tutte le gioie e la felicità di questo mondo. 


  • LaLigaSports ha pubblicato un articolo con un’intervista in cui Brian parla di Javi, del suo allenamento al Cricket Club e anche del rapporto con Yuzuru.
    Il nostro amorino sente la mancanza di Javi ed è dolcissimo!  

QUI l’articolo in lingua originale.

Brian dice che quando Javi è tornato a Toronto, ad inizio anno, per prepararsi agli Europei, erano tutti felici di riaverlo al TCC, specialmente  Yuzu, a lui è mancato davvero tanto Javi.
Ripete poi un aneddoto già raccontato, ma con qualche dettaglio in più: dice che in estate, durante una sessione di allenamento, erano tutti divisi in vari gruppi, tranne Yuzu, che, da solo, si era fermato sulla pista ed era rimasto con lo sguardo verso l’alto (Brian notò solo dopo che stava guardando la bandiera spagnola). Brian gli si è avvicinato e ha notato che aveva gli occhi pieni di lacrime. Gli ha chiesto se andasse tutto bene e Yuzu gli rispose: mi manca davvero Javi. Brian si è tranquillizzato, perché era “solo” la nostalgia di Javi il problema, e lo ha trovato molto tenero. (Credo che lui si fosse preoccupato che potessero esserci altri problemi, tipo dolore da qualche parte, o l’infortunio alla caviglia).
Dice anche che è inusuale avere ad allenarsi insieme i due migliori pattinatori al mondo. Nel loro caso ha funzionato molto bene, ma non lo consiglierebbe agli altri atleti d’elite. Fa notare anche, ma questo già lo sappiamo, che Yuzu e Javi hanno due personalità diametralmente opposte.

Questa la traduzione completa in inglese dell’intervista, grazie a @lenusska


  • Campagna pubblicitaria di Lotte per San Valentino.
    QUI la pagina ufficiale.

La scritta dice: “Mi hai sempre dato la cioccolata, mamma, ma quest’anno sarò io a darti la cioccolata.”


Per ora è tutto, alla prossima!
Ciao ciao!!



Condividi

Autore: EleChicca

Italian. I like Japan, cats, fashion dolls, anime&manga, figure skating and a lot of other things, but, above all, I LOVE Yuzuru Hanyu! 🥇💖

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *