YuzuNews 13 dicembre 2018: Yuzuru si è ritirato dai Campionati Nazionali Giapponesi

Condividi


Buongiorno a tutti.
Oggi solo un breve post per informarvi che nella mattinata italiana è uscito, da parte della JSF (che, lo ricordo, è la Federazione Giapponese del Pattinaggio) l’annuncio ufficiale del ritiro di Yuzuru Hanyu dai Campionati Nazionali Giapponesi, che inizieranno tra 8 giorni.

La notizia era ampiamente prevedibile e non ci sono aggiornamenti sullo stato dell’infortunio e delle cure. Questa la traduzione del commento di Yuzuru:

Ripeto, nulla di nuovo e nulla di tragico in realtà, l’unica frase che mi preoccupa, da parte di Yuzuru, è “I don’t know what will happen in the future”, mi lascia un senso di incertezza e di preoccupazione che mi agita parecchio.

Possiamo immaginare quanto stia male in questo momento, sappiamo quanto ci tenesse ai Nazionali Giapponesi ed è il terzo anno che deve rinunciarvi, senza contare polemiche e critiche assurde di contorno.
Spero che Yuzu se ne resti a Toronto lontano dal Giappone e dal circo mediatico di questi giorni.
Ancora una volta mi sento impotente, frustrata e arrabbiata perché non posso fare niente per lui, se non aspettare e pregare.

Prima di concludere, vorrei sottolineare qualche punto, giusto per impedirvi e impedirmi di crollare nella depressione:

  • Ha detto che farà di tutto per tornare a pattinare senza dolore e senza limitazioni, e per tornare alle competizioni, fosse anche “anticipare di un giorno”. 
    Questa frase significa molto. Innanzitutto significa che i medici gli hanno detto che effettivamente può tornare a pattinare senza limitazioni. Se gli avessero detto che la caviglia ormai è compromessa, che dovrà rinunciare a salti e cose varie, non parlerebbe in questo modo. Se non ci fossero state alternative probabilmente avrebbero già deciso per qualche soluzione drastica, tipo un intervento chirurgico per ricostruire i legamenti. Se invece gli hanno detto che con la riabilitazione e il riposo potrà tornare a gareggiare, questo è un segnale incoraggiante. 
    Altra cosa. E’ chiaro che lui non sta affatto pensando al ritiro, ma al desiderio di tornare alle competizioni e spera di guarire il prima possibile, fosse anche un giorno prima. Non è l’atteggiamento di chi sta per mollare la spugna. Spero che questa volontà e convinzione non lo abbandonino e che presto possa tornare sul ghiaccio, che è la cosa che più ama, che lo rende felice e che lo rinforzi nei suoi propositi.
  • Forse, dato il contesto, il “non sapere cosa accadrà in futuro” si riferisce ai tempi di recupero, ossia se sarà in grado di fare i Mondiali o meno e come si evolverà il processo di guarigione.

A questo punto sono quasi certa che sin da ora Yuzuru abbia rinunciato alla partecipazione ai 4 Continenti. Non avrebbe senso forzare i tempi di recupero per una gara poco importante quando poco dopo ci sono i Mondiali, e già per quelli non sappiamo se sarà guarito.
Sulla possibilità di essere selezionato per partecipare ai Mondiali non ci sono dubbi, perché secondo i criteri di selezione della JSF gli spetta un posto ai mondiali pur non prendendo parte ai Nazionali, l’incertezza è: riuscirà a riprendersi e tornare in forma in tempo per i Mondiali?
E’ dunque probabile che al termine dei Nazionali, quando verranno annunciati i nomi degli atleti selezionati per 4 Continenti e Mondiali, lui venga inserito per i Mondiali e poi eventualmente sostituito con qualcun altro, nel caso non dovesse essere in grado di partecipare. 
Ma ci sono ancora 3 mesi, non è il caso di pensarci adesso. 

Un saluto a tutti, alla prossima!



Condividi

3 pensieri riguardo “YuzuNews 13 dicembre 2018: Yuzuru si è ritirato dai Campionati Nazionali Giapponesi”

  1. Come hai -giustamente-detto tu nell’articolo è più che confortante la frase pronunciata non credo che si sarebbe sbilanciato così se non fosse convinto di poter tornare a pattinare senza limitazioni..

    1. Speriamo. Io lo spero per lui, è ancora così giovane e ha ancora grandi ambizioni, ha il talento, ha l’arte, sarebbe davvero triste se dovesse rinunciare solo perché il suo corpo, o meglio, la caviglia, non regge. 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *